Sito Ufficiale della Provincia di Imperia - martedì 28 marzo 2017
Home Provincia di Imperia
Home Space Istituzione Space Aree tematiche Space Servizi Space Provincia in rete Space Informazioni Space Ricerca Space Mappa Space Area riservata
Space
design
Teatro Salvini
designdesign
design

Spettacoli ed eventi

Torna in vita il più piccolo teatro del mondo

Abbandonato e semi distrutto da più di cinquant’anni, torna a nuova vita il più piccolo teatro del mondo (primato condiviso con il Teatro Catalani a Vetriano di Pescaglia in provincia di Lucca): si tratta del Teatro Salvini di Pieve di Teco (IM) che dal 2005 (anno dell'inaugurazione) è sede di una stagione teatrale.

Il Teatro Salvini è una sala del tutto atipica soprattutto per le piccolissime dimensioni e per la grazia strutturale di chiaro impianto tipicamente sei-settecentesco a ferro di cavallo; 43 metri quadrati di palcoscenico, 90 posti tra la platea e i 2 ordini di palchi: queste le sue note tecniche, una sala che proprio grazie alle ridotte dimensioni attira da sempre visitatori italiani e stranieri incuriositi dalla particolarità dell’impianto e dalle misure mignon di questo teatrino che vanta però una lunga e illustre storia di attività artistica a partire dal 1834, anno in cui fu edificato.

Il Teatro Salvini detiene inoltre un primato decisamente particolare: è il più piccolo teatro del mondo (divide il record con il Teatro Catalani di Vetriano di Pescaglia in provincia di Lucca ma la sua edificazione è decisamente anteriore: il teatro di Vetriano infatti risale al 1890) e tale peculiarità aggiunge ovviamente motivo di interesse e di attrattiva per una costruzione, originariamente adibito a forno, la cui trasformazione in sala teatrale si deve unicamente alla caparbietà di un consigliere comunale dell’epoca, Giuseppe Manfredi, e al desiderio dei pievesi di avere un secondo teatro oltre al più ampio e antico Teatro Olimpico.

Nel corso del restauro, all’interno dei camerini posti sotto il palcoscenico, oltre a pitture e decorazioni di grande bellezza, è stato poi rinvenuto l’autografo di un grande del teatro ligure e italiano: Gilberto Govi che vi recitò più volte (prova ne è anche una locandina trovata anch’essa nel corso dei lavori), a testimonianza delle frequentazioni avute nel corso degli anni dalla“bomboniera” di Pieve di Teco.

Pur di dimensioni così ridotte il Teatro Salvini si candida ad ospitare non solo monologhi, ma anche incontri, conferenze e concerti solistici o da camera grazie anche all’ottima acustica che il restauro, effettuato da ebanisti specializzati sotto la supervisione della progettista, l’architetto Maria Carmen Lanteri, ha restituito alla sala.

La notizia della riapertura di un teatro è certamente in controtendenza rispetto alla norma: in un periodo in cui i teatri stentano a sopravvivere, chiudono o vengono trasformati in megastore o cinema ecc., il recupero, ad opera della PROVINCIA DI IMPERIA che è anche proprietaria dell’immobile e della Fondazione CARIGE che ne ha finanziato il restauro, di un teatro-bomboniera in un piccolo paese dell’entroterra dell’estremo ponente ligure è certamente una novità che mette gioia e fa ben sperare sul futuro – anche in luoghi non centralissimi- di un’arte che accompagna l’uomo da sempre.

Una notizia che rende inoltre giustizia ad una storica attitudine di Pieve di Teco come centro di attività artistiche e teatrali: le prime informazioni sulla propensione di questa cittadina a ospitare e a realizzare spettacoli teatrali messi in scena sia da compagnie locali e dialettali sia da compagnie professionali di giro risalgono ai primi anni del 1700. Alcune testimonianze storiche infatti definiscono gli abitanti di Pieve di Teco “molto inclinati e molto amanti della musica e del teatro”.

Non stupisce quindi che dopo una serie di traversie -dal dopoguerra ad oggi- il rinato Teatro Salvini si proponga di essere un punto di riferimento per una porzione di territorio che continua a essere estremamente attivo e desideroso di cultura, arte e spettacolo.

E’ interessante poi notare che l’inaugurazione del Teatro Salvini rappresenta un segno diverso anche rispetto all’utilizzo delle risorse: in un periodo in cui si tende a concentrare e a accentrare nelle grandi città le occasioni di svago e di scambio culturale, il recupero di un piccolo teatro posto nell’entroterra rappresenta anche la volontà di contribuire a rivitalizzare il capitale sociale, culturale e turistico di zone che hanno negli ultimi decenni un po’ patito il confronto con la zona costiera.

Un piccolo teatro per una grande occasione: il rilancio di una frazione di entroterra fra i più belli dell’intera Liguria.

- Ubicazione: Comune di Pieve di Teco , provincia di Imperia, via Umberto 1°.
- Proprietà: l'edificio è attualmente di proprietà dell'Amministrazione Provinciale di Imperia.
- Finanziamenti: Fondazione CARIGE.

design
designdesigndesign
design
designdesigndesign
design
design
designdesigndesign
design
  Rainbow